Napoli, Biblioteca nazionale Vittorio Emanuele III, II F 2 1501-1525 (guardie aggiunte nel sec. XVII) · cart., guardie cartacee · cc. 3 + 191 (duplicazione c. 9) · mm 310×210. Filigrana: (es. cc. 1, 27, 46) bilancia in cerchio = Briquet 2549 (1515), segno reperibile anche nel cod. Neap. II F 41; segno doppio: (es. cc. 2-5, 18-19, 84-85) cappello prelatizio e lettere A e B = Briquet 3461 (1521) (solamente c. 12) mano, simile a Briquet 10718 (1499-1500); segno doppio: (es. cc. 10-11, 132-133) forbici e piccola bilancia con croce (assente nei repertori, nella piegatura) (es. cc. 52, 75) balestra in cerchio = Briquet 744 (1518), segno reperibile anche nel cod. Neap. II F 41) (es. c. 165-167) ancora = Briquet 490 (1511-1516). Fascicolazione: 1 (7), 2-6 (8), 7 (4), 8-10 (10), 11-19 (8), 20-21 (6), 22-23 (8), 24 (4), 25 (6). Segnatura dei fascicoli: fascicoli 25 un tempo numerati sull'angolo superiore esterno della prima pagina di ciascuno; rimangono oggi solamente le note a cc. 15, 23, 31, 39. Specchio rigato: variabile. Righe: 26/36 (cc. 1r-7v, 10r-80r, 185r-190r); 19/22 (cc. 81r-151r); 23/32 (cc. 153r-162r); 31/35 (cc. 165r-180v); 37/43 (cc. 185r-190r). Disposizione del testo: su due colonne a cc. 165r-180v e 185r-190r. Scrittura e mani: tre mani coeve otrantine hanno vergato il codice: A = cc. 1r-7v, 9v-49r, 81r-162v: inchiostro nero o tendente al nero, iota muto sottoscritto; lo stesso scriba ha aggiunto alcuni scoli ai margini; B = cc. 49v-80v: inchiostro tendente al nero, iota muto sottoscritto; C = cc. 165r-180v, 185r-190r: inchiostro tendente al nero, iota muto sottoscritto. Altre mani hanno scritto cc. 8r e 164v; glosse greche e latine interlineari e alcune aggiunte ai margini vergate da più mani. Stato di conservazione: carta di mediocre qualità, qua e là rovinata dall'umidità e tarlata specialmente a cc. 89-96 e 105-112 senza danno per la scrittura; alcuni margini interni sono stati rinforzati con strisce di carta; un numero imprecisato di carte è caduto dopo cc. 80, 152, 12. Decorazione: 1501-1525 (solo nelle cc. 1r-7v, 9v-49r, 81r-162v titoli, lettere iniziali, fasce in rosso e inchiostro; lo scriba ama riempire di rosso i noccioli di alcune lettere). Legatura: 1601-1700 (legatura farnesiana; sul dorso a lettere dorate "Homerus Iliad."; taglio rosso). Storia: a c. 111r indice in latino; sul margine superiore di c. 1r "A. 1. n°. 21" e "Homerus Ilias" (la seconda parola è cancellata); sotto "Iliadis lib. II" e più sotto "Catalogus navium"; appartenuto alla biblioteca privata di casa Farnese. Possessore: Farnese . Antiche segnature: A. 1. n°. 21. cc. 1r-7v Autore: Homerus. Titolo uniforme: Ilias, DOC, 2, 973. Osservazioni: B vv. 494-877; glosse interlineari in latino di mano dello scriba fino al v. 554. c. 8r Titolo variante: Anthologia Palatina, DOC, 1, 145-219; IX, 24; è anteposto il verso "Τυφλὸς γέρων ἔγραψε τοῖς νέοις πόνον". c. 8r Autore: Euripides <480-407 a.C.> (DOC, 1, 704-705). Titolo uniforme: Hippolytus, DOC, 1, 704; vv. 151-154. c. 8r Altra relazione di D.I.: Homerus. Titolo variante: Anthologia Palatina, DOC, 1, 145-219; XVI 292 e XVI 296; distico sul sepolcro di Omero VII, 3. c. 8r Autore: Homerus. Titolo uniforme: Ilias, DOC, 2, 973; Ξ 182-183. c. 8r Autore: Plutarchus (DOC, 2, 1524). Titolo presente: Πλουτάρχου (c. 8r), tre sentenze. Bianche cc. 8v-9r. cc. 9bis r-162r Autore: Homerus. Titolo uniforme: Ilias, DOC, 2, 973. Osservazioni: con scoli marginali e glosse in greco e latino interlineari; ai singoli canti è premesso un titolo in poesia (Anthologia greca Epigr. IX, 385); cc. 9 bis r-20r: A; cc. 20v-29r: B fino a c. 493; cc. 29r-37v: Γ; cc. 38r-48r: Δ; cc. 48v-63v: E; cc. 64r-73r: Z; cc. 73r-80v: H senza glosse a partire dal v. 274; Θ-M mancanti; cc. 81r-102r: N; cc. 102v-114v: Ξ; cc. 115r-132r: O; cc. 132r-151r: Π; cc. c. 151v: P vv. 1-15 soltanto; Σ-Φ mancanti; cc. 153r-162v: X (vv. 184-211 omessi dallo scriba sono stati aggiunta da un'altra mano al margine di c. 156r); Ψ-Ω caduti. A 164rv, un tempo bianca, è stata aggiunta brevi annotazioni mitologiche: "Ἀπόλλων φοῖβος, Ζεὺς αἰγίοχος, Λητώ, Δημήτρα, Πάλλας". Bianche cc. 152rv, 163v. cc. 165r-180v Autore: Johannes: Tzetzes (PMA, 410). Titolo identificato: Allegoriae Homericae, Matranga, 1, 1850, 1-223. Osservazioni: allegorie all'Iliade: cc. 165r-174r: prolegomena; cc. 174r-175v: A; cc. 175v-176v: B; cc. 176v-177v: Γ; cc. 177v-178r: Δ: cc. 178r-170r: E; c. 179rv: Z; cc. 179v-180v: H; c. 180v Θ fino a v. 36. Bianche cc. 181r-184v. cc. 185r-189r Titolo presente: Ὑπόθεσις (c. 185r). Titolo uniforme: Scholia in Iliadem, DOC, 2, 973. Testo expl. οἱ δὲ Ἒλληνες· στικτέον δὲ μετὰ τὸ ἀχνύμενοί περ (c. 190r). Osservazioni: cc. 185r-189r: A; cc. 189r-190r: B fino a v. 270. Sono gli scholia D: cfr. Scholia D in Iliadem. Proecdosis aucta et correctior 2014. Secundum codices manu scriptos edita ab H. van Thiel, http://kups.ub.uni-koeln.de/5586/. Bianca c. 190v. Bibliografia a stampa: P. Baffi, Catalogus mss. Graecorum Bibliothecae Regiae Neapolitanae, in: J. A. Fabricius, Bibliotheca graeca, 5, Hamburg 1796, 786 n. 178 (attribuisce il cod. al sec. XV). S. Cirillo, Codices graeci mss. regiae Bibliothecae Borbonicae, 2, Neapoli 1832, 138-140 n. 158. A. Ludwich, Aristarchs homerische Textkritik: nach den Fragmenten des Didymos, 2, Leipzig 1885, 508. A. Schimberg, Zur handschriftlichen Überlieferung der scholia Didymi III Teil, "Wissenschaftliche Beilage zu dem Programm des Königl. evang. Gymnasiums zu Ratibor", Göttingen 1892, 30 (attribuisce il cod. al sec. XIV). Th.W. Allen-D.B. Monro, Homeri Opera, 1, editio tertia, Oxonii 1920, XII (sigl. N2; attribuisce il cod. ai secc. XV-XVI). G. Cavallo, Manoscritti italo-greci e trasmissione della cultura classica, in: Magna Grecia bizantina e tradizione classica. Atti del XVII convegno di studi sulla Magna Grecia, Taranto 9-14 ottobre 1977, Napoli 1978, 193-233, qui 229-230. L. Pernot, La Collection de Manuscrits grecs de la maison Farnèse, in "Mélanges de l'École Française de Rome", 91 (1979), 457-506, qui 483 (attribuisce il cod. al sec. XV). M.R. Formentin, Catalogus codicum graecorum Bibliothecae Nationalis Neapolitanae, II, Roma 1995, 116-117. M.R. Formentin, Uno "scriptorium" a palazzo Farnese?, in "Scripta. An international Journal of Codicology and Palaeography", 1 (2008), 77-102, qui 79. Fonti: P. Matranga, Anecdota graeca e mss. bibliothecis Vaticana, Angelica, Barberiniana, Vallicelliana, Medicea, Vindobonensis deprompta, 1-2, Romae 185. C.M. Briquet, Les filigranes. Dictionnaire historique des marques de papier dès leur apparition vers 1282 jusqu'en 1600. A facsimile of the 1907 edition with supplementary material contributed by a number of scholars, ed. by A. Stevenson, Amsterdam 1968. V. Volpi, DOC. Dizionario delle opere classiche, Milano 1994. Personennamen des Mittelalters. Nomina Scriptorum Medii Aevi. PMA, red. Bearb. C. Fabian, 2. erw. Ausg., München 2000. Recupero da catalogo (Formentin, 1995, 116-117). Fondo: Manoscritti. Lingue: Greco classico (fino al 1453) (cc. 1r-7v), Greco classico (fino al 1453) (c. 8r), Greco classico (fino al 1453) (c. 8r), Greco classico (fino al 1453) (c. 8r), Greco classico (fino al 1453) (c. 8r), Greco classico (fino al 1453) (c. 8r), Greco classico (fino al 1453) (cc. 9bis r-162r), Greco classico (fino al 1453) (cc. 165r-180v), Greco classico (fino al 1453) (cc. 185r-189r). Legami tra manoscritti: II A 10, II A 22, II A 25, II A 30, II A 31, II B 5, II B 12, II C 2, II C 3, II C 12, II D 11, II D 12, II D 36, II D 45, II E 6, II E 7, II E 13, II E 14, II F 1, II F 4, II F 8, II F 18, II F 24, II F 26, II F 27, II F 38, III B 3, III B 8, III B 11, III B 15 bis, III B 25, III D 4, III D 6 (stessa antica segnatura). Codici di contenuto: opera di consultazione. Genere letterario: epica (gesta, romanzo pastorale). Catalogazione: Linda Siben. Data creazione scheda: 25 giugno 2013. Data ultima modifica: 22 febbraio 2015.