Napoli, Biblioteca nazionale Vittorio Emanuele III, II E 9 1476-1525 (fogli di guardia aggiunti nel sec. XVII) · cart., guardie cartacee · cc. 3 + 149 + 6 (duplicazione c. 104) · mm 320×220. Filigrana: (es. cc. 1, 7) monti = Briquet 11664 (1476) (es. cc. 10, 11, 48) balestra in cerchio, simile a Briquet 739 (1470) (es. cc. 17, 24) balestra in cerchio II = Harlfinger, Arbalète 33 (1487-1488) (es. cc. 51-56, 76-79) segno doppio: corona e bilancia = Briquet 4853 (1493) (es. cc. 93, 104 bis) testa di bue = Briquet 15372 (1487) (es. cc. 129, 135) cappello prelatizio = Briquet 3397 (1479-1488) (es. cc. 137, 141) bilancia in cerchio, simile a Briquet 2449 (1473) (es. cc. 146, 147) scala in cerchio con stella sovrapposta = Harlfinger, Échelle 21 (1504; stesso segno anche nel cod. Neap. II F 26). Fascicolazione: 1x9 (9), 1x6 (15), 1x8 (23), 1x10 (33), 13x8 (136), 1x7 (143), 1x5 (148). Segnatura dei fascicoli: fascicoli 20 numerati in rosso sul margine inferiore esterno della prima pagina di ciascuno a lettere greche αʹ-ιθʹ e numeri arabi "1-19" fino a c. 147; una terza numerazione a lettere greche αʹ- ιεʹ a inchiostro e piena di errori è posta sul margine inferiore esterno della prima pagina di ciascun fascicolo da c. 34 fino a c. 128; nelle cc. 129-147 la stessa mano ha aggiunto la numerazione a numeri arabi "16-18"; si intravedono le tracce di una quinta numerazione nell'angolo inferiorre esterno della prima pagina di ciascun fascicolo a inchiostro nero con numeri arabi. Specchio rigato: mm 210×125/130. Righe: 30. Scrittura e mani: [Demetrius Moschus] ha vergato l'intero codice in inchiostro talvolta nero talvolta color ruggine omettendo lo iota muto e ha apposto ai margini lemmi in rosso e rare aggiunte. Sul margine superiore di c. 1r ha aggiunto "Ἰ(ησο)ῦ ἡγοῦ". Stato di conservazione: carta di ottima qualità, ben conservata; solamente i margini all'inizio sono intaccati dall'umidità senza danno per la scrittura; i margini delle cc. 1-9 sono stati rinforzati con etichette cartacee. Decorazione: 1476-1525 (fascia a c. 1r, lettere iniziali decorate a ramages e fiori, e così anche i titoli sono tutti in rosso). Legatura: 1601-1700 (legatura farnesiana; sul dorso a lettere dorate "Aphtonii et Ermog. Rethor."; sezione esterna dipinta con colore tendente al nero). Storia: sul margine superiore di c. 1r "Aphtoni et Ermogenis Retor."; appartenuto alla biblioteca privata di casa Farnese. Copista: Demetrius: Moschus (DOC, 1, 616). Possessore: Farnese . cc. 1r-15r Autore: Aphthonius: Antiochenus <4.-5. sec.> (DOC, 1, 261). Titolo identificato: Progymnasmata, DOC 1, 261. Osservazioni: a c. 15v diagramma. Bianca c. 16rv. cc. 17r-146v Autore: Hermogenes: Tarsensis (DOC 1, 926). Titolo identificato: Ars rhetorica, DOC 1, 926. Bianche cc. 147r-148v. cc. 17r-23v Autore: Hermogenes: Tarsensis (DOC 1, 926). Titolo uniforme: Progymnasmata, DOC, 1, 927. Bianca c. 24rv. cc. 25r-42v Autore: Hermogenes: Tarsensis (DOC 1, 926). Titolo identificato: De statibus, DOC, 1, 926. cc. 43r-47v Autore: Hermogenes: Tarsensis (DOC 1, 926). Titolo uniforme: De inventione, DOC, 1, 926. Osservazioni: cc. 43r-47v: lib. I; cc. 48r-53r: lib. II; cc. 53r-75v: lib. III. Bianca c. 76rv. cc. 77r-137r Autore: Hermogenes: Tarsensis (DOC 1, 926). Titolo uniforme: De ideis, DOC, 1, 926. cc. 137r-146v Autore: Hermogenes: Tarsensis (DOC 1, 926). Titolo uniforme: De methodo, DOC, 1, 927. Bibliografia a stampa: P. Baffi, Catalogus mss. Graecorum Bibliothecae Regiae Neapolitanae, in: J. A. Fabricius, Bibliotheca graeca, 5, Hamburg 1796, 785 n. 169. S. Cirillo, Codices graeci mss. regiae Bibliothecae Borbonicae, 2, Neapoli 1832, 98 n. 144. H. Rabe, Hermogenis opera, Lipsiae 1913, XVII. D. Harlfinger-J. Harlfinger, Wasserzeichen aus griechischen Handschriften, Berlin 1974-1980, II, 17 E 30. L. Pernot, La Collection de Manuscrits grecs de la maison Farnèse, in "Mélanges de l'École Française de Rome", 91 (1979), 457-506, qui 482. P. Eleuteri, Storia della tradizione manoscritta di Museo, Pisa 1981, 178 nt. 126. M.R. Formentin, Catalogus codicum graecorum Bibliothecae Nationalis Neapolitanae, II, Roma 1995, 75. M.R. Formentin, Il punto su Demetrio Mosco, in "Bollettino della Badia Greca di Grottaferrata", LII (1998), 235-257, qui 248-249. M.R. Formentin, Uno "scriptorium" a palazzo Farnese?, in "Scripta. An international Journal of Codicology and Palaeography", 1 (2008), 77-102, qui 80 e ss. V. Chatzopoulou, L'étude de la production manuscrite d'un copiste de la Renaissance au service de l'histoire des textes: le cas du Crétois Zacharie Calliergis, in “Revue d'histoire des teste”, 7 (2012), 1-36, qui 33. Fonti: Hermogenes: Tarsensis, Hermogenis Opera, edidit Hugo Rabe, Lipsiae 1913. Aphthonii Progymnasmata. Accedunt Anonymi Aegyptiaci, Sopatri, aliorum fragmenta, ed. H. Rabe, Lipsiae 1926. C.M. Briquet, Les filigranes. Dictionnaire historique des marques de papier dès leur apparition vers 1282 jusqu'en 1600. A facsimile of the 1907 edition with supplementary material contributed by a number of scholars, ed. by A. Stevenson, Amsterdam 1968. D. Harlfinger-J. Harlfinger, Wasserzeichen aus griechischen Handschriften, Berlin 1974-1980. V. Volpi, DOC. Dizionario delle opere classiche, Milano 1994. Recupero da catalogo (Formentin, 1995, 75, con integrazioni). Fondo: Manoscritti. Lingue: Greco classico (fino al 1453) (cc. 1r-15r), Greco classico (fino al 1453) (cc. 17r-146v), Greco classico (fino al 1453) (cc. 17r-23v), Greco classico (fino al 1453) (cc. 25r-42v), Greco classico (fino al 1453) (cc. 77r-137r). Codici di contenuto: opera di istruzione. Catalogazione: Linda Siben. Data creazione scheda: 21 giugno 2013. Data ultima modifica: 11 gennaio 2015.