Venezia, Biblioteca del Museo Correr, ms. Classe III 815 1487 (data di elezione del rettore) · membr., guardie cartacee · cc. 1 + 13 + 1 · mm 233×150 (c. 1). Stato di conservazione: discreto. Decorazione: 1487; iniziali: semplici, ornate, 1 figurata (c. 1r), c. 1r: iniziale figurata; cc. 1r-13r: iniziale semplici dorate sul margine sinistro in corrispondenza di ogni capoverso; pagine: 1 illustrata (c. 1r); presenza di oro; c. 1r: iniziale figurata con corpo d'oro profilato in nero, in primo piano S. Lorenzo a mezzo busto che indossa dalmatica rossa a ricami dorati reggendo graticola e palma del martirio; guarda verso destra in direzione dell'incipit. Alle sue spalle, dietro la lettera, cenni di cielo azzurro entro riquadro rosa con bordo a doppio tratteggio fucsia; c. 1r: pagina architettonica miniata a pennello con cartiglio, contenente testo, appeso a colonne su piedistalli a pianta esagonale e basamenti marmorei ornati con profili affacciati entro ovali rossi. Al centro dell'architrave superiore, centina con leone d'oro di S. Marco andante che regge libro aperto; ai lati, entro clipei, Vergine, tra armadio e leggio, con mani al petto ed Angelo dell'Annunciazione di fronte a collina con alberello, entrambi su sfondo azzurro. Spazi di risulta occupati da filigrana d'oro e da elementi zoofitomorfi verdi con muso di delfino. Legati ai capitelli scolpiti con faccette, un festone e due cordini con piccole sfere rosse che pendono, ai lati, su sfondo montano, sopra alberelli spogli dove si posano cardellini con becco rivolto verso l'alto. Abbarbicati, sul cartiglio, a sinistra e sul piedistallo, a destra, putti biondi, uno con strumento a corde, una viola o un liuto e spartito. Al centro del bas-de-page, scudo della famiglia Priuli; ai lati, serpenti, dalla testa di mostro, affrontati, tenuti in mano da esseri antropozoofitomorfi con busto umano, corpo di pesce e coda a pampino a loro volta cavalcati da giovani fanciulle; sullo sfondo, sfumato in fucsia, filigrana e festoni d'oro. Legatura: 1487; assi in cartone; coperta in pelle; decorazione della coperta: a secco. Storia: sul contropiatto anteriore ex libris della Biblioteca del Museo Correr, dal quale si apprende che il manoscritto è un acquisto; sul recto della prima guardia a matita "Inventario n. 248". Illustratore: Maestro del Plinio di Giovanni Pico della Mirandola (DBMI, 635-642). Luogo di copia: Venezia. Antiche segnature: Inventario n. 248. cc. 1r-13v Autore: Barbarigo, Agostino <1419-1501> (doge dal 1486; DBI, 6, 47-49). Titolo elaborato: Commissione del doge Agostino Barbarigo a Lorenzo Priuli eletto capitano di Vicenza, mutilo. Bibliografia non a stampa: G. Pontillo, Catalogo delle commissioni ducali nella Biblioteca del Museo Correr di Venezia (secoli XIV-XV), tesi di laurea, a.a. 2003-2004, 87-88. Bibliografia a stampa: L. Armstrong, Il Maestro di Pico: un miniatore veneziano dl tardo Quattrocento, in "Saggi e memorie di Storia dell'Arte", Venezia, 17 (1990), 7-39, 215-253, qui 35. O. Granzotto, Legature di Commissioni dogali a Venezia dal '400 a fine '700, in: "Sesto forum della rilegatura d'arte", Venezia 1999, 24-34, qui 26, 33. L. Armstrong, Studies of Renaissance Miniaturists in Venice, 1, London 2003, 326. Fonti: Dizionario biografico degli italiani, Roma 1960-. Dizionario biografico dei miniatori italiani (secoli IX-XVI), a cura di M. Bollati, Milano 2004. Fondo: Classe III. Lingue: Latino (cc. 1r-13v). Soggetto: Commissioni ducali. Catalogazione: Daria Dona'. Revisione: Francesco Bernardi, 17 dicembre 2012. Data creazione scheda: 4 giugno 2002. Data ultima modifica: 17 dicembre 2012.