Gr. VI, 3 (=1347)           

Descrizione del manoscritto

Venezia, Biblioteca nazionale Marciana, Gr. VI, 3 (=1347)

1101-1200 · membr., guardie membranacee · cc. 1 + 95 + 1 (cc. I, 1-95, I'; la prima guardia e l'ultima, membranacee, appartengono al restauro eseguito presso il Laboratorio di restauro dell'Abbazia di S. giorgio (Venezia); numerazione a inchiostro apposta nell’angolo superiore esterno di ciascuna carta, non sempre leggibile a causa dei margini consunti) · mm 257195 (c. 19).

Fascicolazione: originariamente 12 quaternioni; 1-8×8 (64), 9x7 (71; caduta di una carta dopo c. 66), 10-12×8 (95).
Segnatura dei fascicoli: collocata al centro del margine inferiore del recto della prima carta di ciascun fascicolo in numerali greci (caduta la notazione αʹ).
Righe: cc. 1-8: linee di scrittura variabili, 27-28; cc. 9-95: linee di scrittura 20.
Scrittura e mani: il codice è stato vergato da un unico scriba che segna lo iota muto, spiriti e accenti, con correzioni e aggiunte di numerose altre mani: ai margini delle cc. 1-6, 17-43 interviene con aggiunte una mano del XIII secolo; le cc. 7-10 sono state ripassate da una mano del XIV secolo. L'inchiostro quasi sbiadito è stato ripassato in molti punti da numerose mani.
Stato di conservazione: alcune carte sono macchiate dall'umidità o piegate; i margini inferiori di cc. 46-48 e 91 sono stati indecorosamente tagliati con le forbici, ma si sono perse solamente due righe di c. 91.

Legatura: 1971; piatti di cartone rigido; pelle liscia color marrone chiaro; restauro: interventi di restauro avvenuti il primo nel 1960 a cura di Orlandini e il secondo nel 1971, presso il laboratorio dei Benedettini di S. Giorgio Maggiore di Venezia; attualmente la legatura presenta controguardia e guardia in pergamena all’inizio e alla fine ed ex-libris incollato sull'angolo inferiore esterno della controguardia posteriore.

Storia: il codice fa parte del lascito del cardinale Bessarione a San Marco; sul margine superiore di c. 1r una mano piuttosto recente ha scritto in inchiostro scuro "Εὐκλείδου εἰσαγωγὴ ἁρμονική"; due mani del sec. XV hanno poi aggiunto in latino le parole "super musicam / Euclides de musica carens principio" e sull'estremità inferiore si legge "ἑκατὸν φύλλα [λείπει ἒτε]ρα" da cui si desume che il codice fosse mutilo già all'epoca. Un certo Zosimo ha emendato il codice e a c. 17r ha scritto: "Ζώσιμος διώρθου ἐν Κωνσταντινουπόλει εὐτυχῶς" (la medesima scritta si legge nel cod. Marc. gr. 322); v. anche: https://pinakes.irht.cnrs.fr/notices/cote/70509/.

Bessarion <m. 1472> (PMA, 101; RGK, 1, 41; 2, 61; 3, 77; AP, Bessarion).
Laboratorio di restauro del libro dell'Abbazia di San Giorgio Maggiore <Venezia>.
Orlandini, Carlo <sec. 20.> (restauratore).

Bessarione greci 643 (Bessarione).

cc. 1r-9r
Autore: Cleonides <sec. 2.> (DOC, 1, 522).
Titolo presente: Εὐ[κλ]είδου εἰσαγωγὴ ἁρμονική (c. 1r).
Titolo identificato: Introductio harmonica, DOC, 1, 522; nel manoscritto l'opera è attribuita a Euclides.

cc. 1r-6r
Autore: Aristides: Quintilianus <sec. 3.> (DOC, 1, 286).
Titolo identificato: De musica, DOC, 1, 286; estratti dal lib. I.
Testo inc. Μουσική ἐστι ἐπιστήμη (c. 1r), expl. ρυθμικὴν θεωρίαν (c. 6v); capp. 4-12.
Osservazioni: opera inserita ai margini da mano più recente rispetto a quella del testo principale.

cc. 9r-17r
Autore: Euclides <pseudo-> (DOC, 1, 692).
Titolo identificato: Sectio canonis, DOC, 1, 692.
Testo inc. Εἰ ἡσυχία εἴη (c. 9r).

cc. 17r-34v
Autore: Nicomachus: Gerasenus <sec. 1.-2.> (DOC, 2, 1360).
Titolo identificato: Harmonicum enchiridion, DOC, 2, 1360.
Testo inc. Εἰ καὶ πολύχους (c. 17r), expl. ἀπενείματο (c. 29r); Jan, 1895, 237-282.
Osservazioni: opera inserita ai margini da mano più recente rispetto a quella del testo principale.

cc. 17r-66v
Autore: Aristoxenus: Tarentinus <ca. 354-ca. 300 a. C.> (DOC, 1, 292).
Titolo presente: στοιχείων γʹ (c. 56r).
Titolo presente: στοιχείων βʹ (c. 36v).
Titolo presente: Ἀριστοξένου πρὸ τῶν ἁρμονικῶν στοιχείων αʹ (c. 17r).
Titolo identificato: Elementa harmonica, DOC, 1, 292; lib. I: cc. 17r-36v; lib. II: cc. 36v-56r; lib. III: cc. 56r-66v.
Testo inc. Τῆς περὶ μέλους (c. 17r), expl. ῥάδιον συνιδεῖν (c. 66v).
Osservazioni: a partire dalle parole "ἐν ἁρμονίᾳ" (ed. Da Rios, 1955, 92 lin. 2), a seguito della caduta di una sola carta, le parole restanti sono scritte ai margini.

cc. 29r-57r
Titolo identificato: Anonyma de musica scripta Bellermanniana, ed. Bellermann, 1841.
Testo inc. Ἐστὶν ἐπιστήμη θεωρητική (c. 29r), expl. διέσεως ἐλαχίστης (c. 57r); Bellermann, 1841, 46-63.
Osservazioni: opera inserita ai margini da mano più recente rispetto a quella del testo principale.

cc. 35r-43v
Autore: Bacchius: Geron <sec. 3./4.> (DOC, 1, 362).
Titolo identificato: Isagoge, DOC, 1, 362.
Testo inc. Μουσικὴ τίς (c. 35r), expl. στέφανον (c. 43v); Janus, 1895, 237-282.
Osservazioni: opera inserita ai margini da mano più recente rispetto a quella del testo principale.

cc. 67r-91v
Autore: Alypius <sec. 3/4> (DOC, 1, 96).
Titolo identificato: Isagoge musica, DOC, 1, 96.
Testo inc. Τῆς μουσικῆς ἐκ τριῶν (c. 67r), expl. ἡμίδελτα πλάγιον.

cc. 92r-95v
Autore: Aristoxenus: Tarentinus <ca. 354-ca. 300 a. C.> (DOC, 1, 292).
Titolo presente: Ἀριστοξένου ρυθμικῶν στοιχείων βʹ (c. 92r).
Titolo identificato: Elementa rhythmica, DOC, 1, 292.
Testo inc. Ὂτι μὲν τοῦ ρυθμοῦ (c. 92r), expl. mutilo δύναμιν φυλάσσοντα σημεῖα, καὶ τὰς ὑπὸ τῆς ῥυθμοποίας (c. 95v); ed. Marquard, 1868, 409-413: 292, 3-4.

Bibliografia a stampa: P. Marquard, Die harmonischen Fragmente des Aristoxenus, Berlin 1868, XII-XIV.
A. Jahn, De musica libri 3, Berolini 1882, XLVIII-XLIX.
R. Westphal, Melik und Rhythmik des Classischen Hellenentums, 2, Leipzig 1893, XC.
C. Janus, Musici scriptores Graeci, Lipsiae 1895, XVI-XXIV.
H. Menge, Euclidis Opera omnia, 8: Euclidis Phaenomena et Scripta musica, Leipzig 1916, VII.
R. Da Rios, Aristoxeni Elementa harmonica, Romae 1955, XXV-XXIX.

Fonti: Dizionario biografico degli italiani, Roma 1960-.
F. Bellermann, Anonymi scriptio de musica. Bacchii Senioris Introductio artis musicae e codicibus Parisiensibus, Neapolitanis, Romano, Berolini 1841.
C. Janus, Musici scriptores Graeci, Lipsiae 1895.
R. Da Rios, Aristoxeni Elementa harmonica, Romae 1955.
E. Mioni, Bibliothecae Divi Marci Venetiarum, Codices Graeci Manuscripti, II, Codices qui in sextam, septimam atque octavam classem includuntur continens, Roma 1960.
V. Volpi, DOC. Dizionario delle opere classiche, Milano 1994.
Personennamen des Mittelalters. Nomina Scriptorum Medii Aevi. PMA, red. Bearb. C. Fabian, 2. erw. Ausg., München 2000.
Bessarion in: Archivio possessori, Biblioteca nazionale Marciana (15 dicembre 2020).

Riproduzioni: disponibile copia digitalizzata in Sede e in Internet Culturale (http://www.internetculturale.it/jmms/iccuviewer/iccu.jsp?id=oai%3A193.206.197.121%3A18%3AVE0049%3ACSTOR.241.10798 ).

Recupero da catalogo

(Mioni, 1960, II, 6-7).


Fondo: .
Lingue:
Soggetto: Codici di contenuto:
Catalogazione: Data creazione scheda: Data ultima modifica:

Collegamenti di fine pagina

accesso veloce



Catalogo



Progetto



Documenti scaricabili



Mappa del sito


I testi e le immagini sono riproducibili esclusivamente per uso personale e a scopo didattico e di ricerca, a condizione che venga citata la fonte.
Non è consentito alcun uso che abbia scopi commerciali o di lucro.

Valid XHTML 1.0 Strict - Valid CSS - Level Triple-A conformance, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 - Section 508.

visitatori dal 1 marzo 2006.