Utinensis 256           

Descrizione del manoscritto

Udine, Biblioteca Arcivescovile, Utinensis 256

1301-1487 composito di 2 elementi (le unità codicologiche sono così distinte: I = cc. 1-180, II = cc. 181-204).

Legatura: 1951-1975; assi in cartone; pergamena chiara; restauro: eseguito da A. Pandimiglio, Restauro di libri, Roma. A seguito del restauro non è più conservata l'antica legatura con fibbie e la doppia numerazione dell'inventario Grimani scritta sul dorso, vista da Mioni.

Storia: entrambe le unità codicologiche facevano parte, ancora indipendenti, della biblioteca di Domenico Grimani; il solo codice 256/2 apparteneva in precedenza a Giovanni Pico della Mirandola. Alla morte di Grimani, come indicato dal testamento del 16 agosto 1523 ("…relinquo omnes libros meos latinos in membranis, qui habent istam inscriptionem - hic est liber mei Dominici Grimani - monasterio sancti Antonii de Venetiis, et similiter omnes libros graecos, hebreos, armenos, arabicos et caldeos, sive habeant prefatam inscriptionem sive non, relinquo eidem monasterio, qui omnes libri debeant poni in bibliotheca"; cfr. Dengel, 1913, 36, Freudenberger, 1936, 22 n. 33, Mercati, 1938, 27 n. 1), i manoscritti vennero lasciati al Convento di Sant'Antonio di Castello. Dopo l'incendio che devastò quest'ultimo nel 1687, furono acquisiti da Antonio Capello, tra quelli che Montfaucon vide nel suo "Museo" il 16 agosto 1698 (cfr. Montfaucon, 1702, 63-64, la lettera che gli inviò Capello nel 1698 [ora nel Par. fr. 20052, c. 90r bis] e quella del 24 settembre 1701 [ora nel Par. fr. 17704, c. 33rv]). Entrarono infine nella biblioteca del patriarca di Aquileia Dionisio Dolfin, forse acquistati dagli eredi di Capello dopo la morte di quest'ultimo il 17 gennaio 1711 (cfr. Formentin, 1987, 21-42, ove sono accuratamente descritte le vicende dei codici udinesi e la relativa bibliografia).

Patriarcale VI 3 (Patriarcale di Udine).

Utinensis 256/1

1471-1487cart. cc. 180 (le carte sono numerate 1-180) mm 280200.

Filigrana: (cc. 2-9) giglio, Briquet 7312 (Venezia 1479-1482) (cc. 11-20) lettera R delineata con doppio tratto e inscritta in cerchio (non presente nei repertori) (cc. 14-17, 15-16, etc.) cappello prelatizio, Briquet 3388 (Firenze 1475-1479, Venezia 1480).
Fascicolazione: 1-18 (10).
Segnatura dei fascicoli: a lettere greche nell'angolo inferiore destro del primo recto di ciascun fascicolo; le note numerali dei primi cinque fascicoli sono cadute, e sono quindi osservabili soltanto a partire da c. 51r (εʹ-ιηʹ).
Specchio rigato: mm 200×120.
Righe: 26.
Richiami: sull'ultimo verso di ogni fascicolo è tracciata la parola iniziale del successivo.
Scrittura e mani: mano di <Giovanni Argiropulo>. Inchiostro nero, iota muto omesso. [Tav. 1]

Storia: il manoscritto faceva parte della collezione libraria del cardinale veneziano e patriarca di Aquileia Domenico Grimani, infatti sul margine inferiore di c. 1r, restaurata di recente, rimangono lievi tracce della nota di possesso del Grimani. Sulla stessa carta l'antico numero dell'inventario Grimani: "N. 29" (cfr. Diller-Saffrey-Westerink, 2003, 113).

Possessore Capello, Antonio <1626-1711> (Moschini, 2, 93).
Possessore Convento di Sant'Antonio di Castello <Venezia> (Guida generale Archivi, 4, 1102).
Possessore Dolfin, Dionisio <1663-1734> (Hierarchia catholica, 5, 94).
Possessore Grimani, Domenico <1461-1523> (DBI, 59, 599-609).
Copista Ioannes: Argyropoulos <ca. 1393/94-1487> (RGK, 1, 94-95; 2, 92-93; 3, 101-102).

Domenico Grimani inv. 29 (Biblioteca di Domenico Grimani).

cc. 1r-8v
Altra relazione di D.I.: Aristoteles (DOC, 1, 289).
Titolo identificato: Eis to proton ton deuteron analytikon, ed. Hayduck, 1907, VII-XVIII.
Testo inc. Σκοπός ἐστιν ἐνταῦθα τῷ Ἀριστοτέλει περὶ τοῦ ἀποδεικτικοῦ, expl. ἀλλὰ λαβοῦσι τὸ μὴ ὄν.
Osservazioni: per l'attribuzione a Georgios Gemistos Plethon cfr. D. Dedes, Die Handschriften und das Werk des Georgios Gemistos (Plethon) (Forschungen und Funde in Venedig), in "Ἑλληνικά", 33 (1981), 78-81.

cc. 9r-179r
Autore: Eustratius: Nicaenus <sec. 11./12.> (DOC, 1, 742-743).
Titolo identificato: In Analyticorum posteriorum librum secundum commentarium, DOC, 1, 743.
Osservazioni: nel codice manca il nome dell'autore.
Bianche cc. 10v, 179v-180v.

Utinensis 256/2

1301-1325cart. cc. 24 (le carte sono numerate 181-204) mm 280200.

Filigrana: la filigrana, posta al centro del foglio, è un fiore a sei petali = Mošin-Traljić 4020 (Bologna 1298) (cc. 201 e 203) lettera T = Mošin-Traljić 5650 (Tirolo 1317).
Fascicolazione: 1-3 (8).
Segnatura dei fascicoli: a lettere greche, α´-γ´di mano del copista, nell'angolo inferiore interno del primo recto e dell'ultimo verso di ciascun fascicolo.
Specchio rigato: mm 230×170/180.
Righe: 29-36.
Scrittura e mani: grafia databile al XIV secolo, disordinata, perpendicolare al rigo o leggermente inclinata a destra, con un certo contrasto modulare. Le abbreviazioni, spesso per sospensione, sono concentrate alla fine del rigo dove il tratto si allunga formando spesso svolazzi. Iota muto omesso; spiriti e accenti spesso fusi insieme, accenti di frequente uniti alla vocale cui si riferiscono. [Tav. 2]

Decorazione: 1301-1325; titolo e iniziale di c. 181r in rosso. [Tav. 3]

Storia: il manoscritto faceva parte di un gruppo di codici appartenuti a Giovanni Pico della Mirandola acquistati dal cardinale veneziano e patriarca di Aquileia Domenico Grimani nel 1498 (cfr. Calori Cesis, 1897, 68; Kibre, 1936, 204); ha perduto l'ex libris, ma sul margine inferiore di c. 181r si legge il numero dell'inventario Grimani: "N. 93" (cfr. Diller-Saffrey-Westerink, 2003, 124). A c. 204v un'annotazione di altra mano, in parte erasa: "ἔγραψα... γου... τετρακῶσηους ιαʹ εἰς τῆς κ. τοῦ μαρτίου μηνὸς εζ...".

Possessore Capello, Antonio <1626-1711> (Moschini, 2, 93).
Possessore Convento di Sant'Antonio di Castello <Venezia> (Guida generale Archivi, 4, 1102).
Possessore Dolfin, Dionisio <1663-1734> (Hierarchia catholica, 5, 94).
Possessore Grimani, Domenico <1461-1523> (DBI, 59, 599-609).
Possessore Pico della Mirandola, Giovanni <1463-1494> (ABI II 467, 66-73; III 335, 255-269; IV 368, 19-28).

Domenico Grimani inv. 93 (Biblioteca di Domenico Grimani).

cc. 181r-204r
Autore: Anaximenes: Lampsacenus <380-320 a.C.> (DOC, 1, 126).
Titolo presente: Ἀριστοτέλους ῥητορικὴ πρὸς Ἀλέξανδρον (c. 181r).
Titolo identificato: Ars rhetorica, DOC, 1, 126.

Bibliografia a stampa: G.F. Tomasini, Bibliotecae Venetae Manuscriptae publicae et privatae, Utini, Typis Nicolai Schiratti, 1650, 18, dove il ms. 256/1 è identificabile in "Plut. XXIV, Eiusdem (scil. Aristotelis) I analytic. f. ch."; il 256/2 non è presente nell'elenco.
G. Mazzatinti, Inventari dei manoscritti delle Biblioteche d'Italia, 3, Forlì 1893, 232.
H. Omont, Notes sur quelques manuscrits grecs de la Bibliothèque archiépiscopale d'Udine provenant du cardinal D. Grimani, in "Centralblatt für Bibliothekswesen", 12 (1895), 415-416, qui 415.
A. Cosattini, Index codicum graecorum Bybliothecae archiepiscopalis Utinensis, in "Studi italiani di filologia classica", 5 (1897), 395-399, qui 395.
F. Calori Cesis, Giovanni Pico della Mirandola detto la Fenice degli Ingegni. Cenni biografici con documenti ed appendice, Mirandola 1897, 68 (identificabile in "Aristotelis rethorica ad Alexandrum in greco manuscripta n. 325").
P. Kibre, The Library of Pico della Mirandola, New York 1936, 628 (identificabile in "Aristotelis ad Alexandrum graeca n. 325 capsa 3").
E. Mioni, Aristotelis Codices graeci qui in Bibliothecis Venetis adservantur, Patavii 1958, 110-111.
Manoscritti e stampe venete dell'aristotelismo e averrosimo (secoli X-XVI), Catalogo della mostra. Venezia, Biblioteca Nazionale Marciana, Venezia 1958, 27 nr. 48.
A. Wartelle, Inventaire des manuscrits grecs d'Aristote et de ses commentateurs. Contribution a l'histoire du texte d'Aristote, Paris 1963, 155.
E. Mioni, Catalogo di manoscritti greci esistenti nella biblioteche italiane, 2, Roma 1965, 440-441.
M. Fuhrmann, Untersuchungen zur Textgeschichte der pseudo-aristotelischen Alexander-Rhetorik, Wiesbanden 1965, 627-628.
A. Diller, Some locations of Greek Codices, in "Scriptorium", 29 (1975), 159-161, qui 160.
M. Formentin, Storia del Fondo manoscritto greco conservato alla Biblioteca Arcivescovile di Udine, in "Memorie Storiche Forogiuliesi", 66 (1987), 21-61, qui 51-52 e tav. III.
Anaximenes Ars rhetorica quae vulgo fertur Aristotelis ad Alexandrum, ed. M. Fuhrmann, Monachii et Lipsiae 2000, X (sigl. U).
P. Chiron, La tradition manuscrite de la 'Rhétorique à Alexandre'. Prolégomènes à une nouvelle édition critique, in "Revue d'histoire des textes", 30 (2000), 17-69, qui 33 (sigla U).
Pseudo-Aristote, Rhétorique à Alexandre, ed. P. Chiron, Paris 2002, CLVII (sigl. U).
A. Diller-H.D. Saffrey- L.G. Westerink, Bibliotheca graeca manuscripta cardinalis Dominici Grimani (1461-1523), Mariano del Friuli 2003, 113 (ms. 256/1) e 124 (ms. 156/2).
D. Jackson, A List of Greek Mss of Domenico Grimani, in "Scriptorium", 62 (2008), 164-169, qui 165, 166.
F. Vendruscolo, Codici dell’Argiropulo tra gli Utinenses Graeci, in: Incontri triestini di filologia classica 6 (2006-2007), Trieste 2008, 289-297, qui 291, 292.

Fonti: B. Montfaucon, Diarium Italicum, Paris 1702.
G. Moschini, Della letteratura veneziana del secolo XVIII fino a' nostri giorni, in Venezia, dalla stamperia Palese, 1806-1808.
Eustratii in Analyticorum Posteriorem librum secundum commentarium, ed. M. Haydruck, Berolini 1907.
P. Dengel, Palast und Basilika San Marco in Rom, München 1913.
Hierarchia catholica medii et recentioris aevi, Monasterii [poi Padova] 1935-.
T. Freudenberger, Die Bibliothek des Kardinals Domenico Grimani, in "Historisches Jahrbuch des Görres-Gesellschaft", 56 (1936), 15-45.
G. Mercati, Codici latini Pico Grimani Pio e di altra biblioteca ignota del secolo XVI esistenti nell'Ottoboniana e i codici greci Pio di Modena con una digressione per la storia dei codici di S. Pietro in Vaticano, Città del Vaticano 1938.
V. Mošin-S. Traljić, Vodeni znakovi XIII-XIV vijeka, Zagreb 1957.
Dizionario biografico degli italiani, Roma 1960-.
C.M. Briquet, Les filigranes. Dictionnaire historique des marques de papier dès leur apparition vers 1282 jusqu'en 1600. A facsimile of the 1907 edition with supplementary material contributed by a number of scholars, ed. by A. Stevenson, Amsterdam 1968.
Repertorium der griechischen Kopisten 800-1600, Wien 1981-1997.
Archivio Biografico Italiano, München 1987-.
M. Formentin, Storia del Fondo manoscritto greco conservato alla Biblioteca Arcivescovile di Udine, in "Memorie Storiche Forogiuliesi", 66 (1987), 21-61.
Guida generale degli Archivi di Stato italiani, Roma 1994.
V. Volpi, DOC. Dizionario delle opere classiche, Milano 1994.
A. Diller-H.D. Saffrey- L.G. Westerink, Bibliotheca graeca manuscripta cardinalis Dominici Grimani (1461-1523), Mariano del Friuli 2003.

Recupero da catalogo

(recupero da: Mioni 1965, 440-441; Formentin 1987, 51-52, con integrazioni).


Fondo: .
Lingue:
Soggetto: Codici di contenuto:
Catalogazione: Data creazione scheda: Data ultima modifica:
Immagini: Scrittura e mani [Tav. 1] Scrittura e mani [Tav. 2], Decorazione [Tav. 3]

Collegamenti di fine pagina

accesso veloce



Catalogo



Progetto



Documenti scaricabili



Mappa del sito


I testi e le immagini sono riproducibili esclusivamente per uso personale e a scopo didattico e di ricerca, a condizione che venga citata la fonte.
Non è consentito alcun uso che abbia scopi commerciali o di lucro.

Valid XHTML 1.0 Strict - Valid CSS - Level Triple-A conformance, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 - Section 508.

visitatori dal 1 marzo 2006.